Frequently Asked Questions

  • Lifting del viso

    • Dopo un lifting del viso, ci sembrerà di essere troppo tirati?

      Mi riconoscerò ancora, dopo il lifting del viso?
      Molte pazienti dicono che al loro ritorno al lavoro e alle normali attività quotidiane si sentono dire da tutti “Come stai bene! Hai cambiato taglio dei capelli?” oppure “Sei andata in vacanza?”.
      Il segno del successo dell’intervento è proprio il fatto di rimanere sé stessi. Sicuramente a voi sembrerà di essere cambiate tanto, ma è facile che gli altri non notino cambiamenti specifici, a meno che non vengano richiesti interventi veramente importanti.

    • Quanto durano nel tempo i benefici di un lifting?

      La durata dei benefici dipende da diversi fattori.
      Nei pazienti che non fumano, non si espongono al sole e godono in generale di una buona salute, la durata può essere di una decina d’anni.
      Per chi non adotta una vita generalmente sana, la durata può essere dimezzata.
      Non bisogna dimenticare che un aspetto giovanile è dovuto in buona parte al tipo di vita che si conduce.

    • Che cosa si può fare per il doppio mento?

      Molti pazienti che ricorrono al lifting fanno anche la liposuzione del collo, con parecchi vantaggi.
      Fra l’altro, mentre si migliora l’aspetto del collo, è possibile usare il grasso in altre zone per migliorarne l’aspetto, per esempio nelle labbra,

    • Il lifting elimina tutte le rughe?

      Con il passare degli anni la pelle perde la propria elasticità.
      Il lifting del viso viene quasi sempre eseguito per eliminare la pelle in eccesso per cui una parte delle rughe si attenuano.
      Alcune rughe profonde, come le rughe di espressione fra gli occhi, potranno migliorare decisamente, anche se non scompariranno del tutto.
      Un miglioramento più evidente si può ottenere con il laser, con fillers come iniezioni di grasso per le rughe attorno alla bocca, tossina botulinica, collagene, microdermoabrasione o altre procedure di questo tipo.


    • Che cosa è possibile fare se si è fatto un lifting di cui non si è soddisfatti?

      E’ possibile che vi siano pazienti scontenti, che non hanno avuto i risultati sperati da un lifting effettuato presso altri centri e che richiedono un intervento di “sistemazione”.
      La cosa più importante da sottolineare è che non è assolutamente possibile valutare i risultati definitivi prima di un anno dall’ intervento perché il viso cambia e si affina gradualmente con il passare del gonfiore.
      E’ anche importante valutare lo stato delle cicatrici.
      E’ meglio lasciare trascorrere più tempo possibile perché le cicatrici si ammorbidiscano.
      Se un chirurgo è disposto ad effettuare un intervento di “revisione” prima di un anno, è meglio chiedere il parere di un altro specialista.
      E’ opportuno lasciare che il lifting già fatto si “sistemi” prima di sottoporsi ad un altro intervento.

    • Il lifting del viso è doloroso?

      Per la maggior parte dei pazienti il dolore è veramente limitato ed in genere il problema maggiore è dato dal gonfiore. A tutti i pazienti vengono comunque prescritti farmaci antidolorifici, che in genere vengono assunti per due o tre giorni dopo l’intervento.

    • Si è svegli durante l’intervento?

      Vengono usati un sedativo per via endovenosa e un anestetico locale.
      Talvolta i pazienti vengono sottoposti ad anestesia totale ma si risveglieranno subito dopo l’intervento.Per questo motivo, è opportuno essere accompagnati da un adulto responsabile per tornare a casa e per avere assistenza durante la prima notte dopo l’intervento.

    • Quanto tempo dopo l’intervento si può tornare a casa?

      La maggior parte dei lifting si effettuano senza ricovero. Se l’intervento richiede anestesia totale è bene sia presente un adulto responsabile per il ritorno a casa, per la prima notte dopo l’intervento e per riaccompagnare il paziente presso la clinica o lo studio per la prima visita di controllo, che di solito viene effettuata la mattina seguente.

    • Dopo quanto tempo si può tornare al lavoro?

      Generalmente dopo due o al massimo tre settimane.

    • Dopo quanto tempo si può iniziare a fare attività fisica?

      Per l’aerobica è meglio aspettare tre settimane. Comunque, ogni attività che faccia aumentare la pressione sanguigna prolungherà il tempo necessario per la riduzione del gonfiore dovuto all’intervento.

    • Quanto durano ematomi e gonfiore?

      Ematomi e gonfiore iniziano ad essere meno evidenti alla fine della prima settimana dall’intervento e spariscono nel giro di due o tre settimane. Dopo 7/10 giorni gli ematomi si possono comunque camuffare con stick coprenti

    • Che cosa fare per prepararsi all’intervento?

      Verrà effettuata una visita per valutare lo stato fisico e fare un’anamnesi della storia sanitaria del paziente, per chiarire gli ultimi dubbi, dare istruzioni su come prepararsi all’intervento stesso e prescrivere i farmaci da assumere in seguito.
      Nelle FAQ rispondiamo a numerosi quesiti che i pazienti pongono, non bisogna però considerare queste risposte come sostitutive dell’incontro e della visita di cui abbiamo parlato e durante la quale verrà anche firmato un “consenso informato”.

    • Che cos’è il “consenso informato”?

      “Consenso informato” significa che il paziente è a conoscenza dei benefici e dei rischi che l’intervento comporta, che possiede tutte le informazioni che ne riguardano le varie fasi, pre-operatoria, operatoria e post-operatoria e che quindi è perfettamente in grado di decidere in merito.

    • Quali sono i rischi e i benefici del lifting?

      Prese in considerazione le aspettative del paziente, il medico farà un quadro realistico di quello che si potrà effettivamente ottenere con l’intervento.A seconda della tecnica prescelta, sarà fornito l’elenco dei rischi riportati dalla letteratura medica. Benché si tratti di un intervento che generalmente non presenta problematiche particolari, è comunque opportuno che il paziente sia informato in tutti i dettagli.

    • Dove saranno effettuate le incisioni?

      Le incisioni saranno effettuate davanti e dietro alle orecchie, nella piega naturale della pelle, e quindi dopo poche settimane non saranno più visibili.

    • Quali le conseguenze nelle persone la cui pelle non cicatrizza facilmente?

      Le cicatrici del viso sono diverse da quelle delle altre parti del corpo. Un buon indicatore è dato da come si sono cicatrizzati i “buchi” nelle orecchie. Se si hanno altre cicatrici è bene, comunque, mostrarle al medico, per una valutazione realistica della capacità di guarigione dei tessuti.

    • Che cosa altro fare prima dell’intervento?

      E’ importante che il medico sappia quali medicinali si assumono abitualmente. Per quanto riguarda i fumatori, è bene che interrompano di fumare due settimane prima dell’intervento e fino a due settimane dopo, perché il tabacco rallenta la cicatrizzazione delle ferite.

    • Quali sono i medicinali che si possono continuare ad assumere per prepararsi all’intervento?

      Il nostro staff informerà i pazienti a questo proposito. Se si usano anticoagulanti è bene interrompere una settimana prima dell’intervento. Sarà comunque fornito un elenco dei medicinali da evitare.

    • Quali sono i farmaci indicati per prepararsi all’intervento?

      La maggior parte dei pazienti non ha bisogno di farmaci. E’ bene però informare il personale medico di qualsiasi tipo di necessità. Non si dovrà invece assumere alcun tipo di cibo e bevanda dopo la mezzanotte del giorno precedente.

    • Perché bisogna essere digiuni per l’intervento?

      L’anestesia può dare disturbi di stomaco, quindi è meglio evitare di mangiare e di bere.Per i pazienti che soffrono di diabete il nostro personale provvederà adeguatamente

    • Come ci si sente dopo l’intervento?

      La maggior parte dei pazienti lamenta solo una sensazione spiacevole di gonfiore, che dura per circa tre settimane. Il personale medico sarà vicino ai pazienti al loro risveglio per qualsiasi necessità.

    • Si può fare qualcosa per evitare gli ematomi?

      Si può cercare di ridurli usando l’Arnica.

    • Come comportarsi con i punti?

      Durante la prima visita dopo l’intervento vengono rimossi fasciatura e drenaggi. Bisognerà fare attenzione ai punti vicino alle orecchie, che dovranno essere puliti con perossido. Bisognerà applicare una pomata antibiotica due volte al giorno per mantenerli morbidi. Al momento di toglierli, i punti così lubrificati, verranno via senza problemi.

    • Quanto tempo dopo l’intervento è possibile fare la doccia o il bagno?

      E’ meglio fare il bagno perché bisogna fare attenzione a non bagnare la testa.

    • Dopo l’intervento si devono assumere farmaci specifici?

      Sì. I farmaci sono comunque prescritti prima dell’intervento e sono i seguenti:
      a) un antibiotico per impedire l’infezione
      b) un antidolorifico
      c) una pomata da mettere sulle suture
      d) Arnica per aiutare l’assorbimento degli ematomi
      e) Vitamina C 1000mg tre volte al giorno per una settimana per migliorare le condizioni fisiche generali.


    • E’ necessario seguire una dieta particolare dopo l’intervento?

      No. Si può mangiare quello che si desidera e bere il più possibile per impedire la disidratazione

    • Quando sarà la prima visita post-operatoria?

      Il giorno seguente l’intervento per la rimozione della fasciatura e dei drenaggi.

    • Quali sono le istruzioni per la ripresa delle normali attività quotidiane dopo l’intervento?

      Per la prima settimana è bene dormire con due o tre cuscini, non piegarsi o fare sforzi eccessivi.

    • Quando si riprenderà un aspetto “normale”?

      Dopo due o tre settimane si sarà “presentabili” e il viso continuerà a migliorare con il passare del tempo assumendo un aspetto sempre più naturale. In generale i pazienti riprendono la normale attività lavorativa dopo due o tre settimane. Ci vorrà un anno circa per apprezzare al meglio i risultati dell’intervento.uando sarà la prima visita post-operatoria?

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Instagram